Abbiamo scoperto la torre di Fontanedo per caso durante la nostra visita al Molino Maufet a Colico

E’ stata una piacevole e gradita sorpresa e abbiamo avuto la fortuna di partecipare all’inaugurazione del 2 giugno 2019 di questa bellezza del lago di Como rimasta abbandonata per troppi anni e che ora grazie al contributo del comune di Colico rivive il suo splendore.

torre-di-fontanedo

Le origini della torre di Fontanedo risalgono al 1357 quando Barnabò Visconti, già conosciuto durante la nostra visita al castello di Trezzo sull’Adda, diede l’ordine di iniziare i lavori di costruzione probabilmente potenziando una struttura già esistente.

Il motivo fu prettamente strategico: la posizione della torre infatti consente una larga veduta a 360 gradi della zona circostante e per questo regala anche un bellissimo panorama ai propri visitatori.

Inoltre consentiva il monitoraggio della Scalottola, allora considerata una delle maggiori via di comunicazione e collegamento tra Lecco e la Valtellina.

Nel 1600 sotto il dominio degli spagnoli, la torre è l’elemento più alto del sistema difensivo che fa riferimento al Forte di Fuentes.

Struttura della torre di Fontanedo

La torre di Fontanedo presenta una base quadrata di circa 7,5 metri per lato, ma la sua caratteristica principale è l’ingresso.

Non esiste infatti un ingresso a livello del terreno, ma per entrare bisogna salire una scala in legno che all’occorrenza veniva tolta per evitare l’intrusione dei nemici.

L’interno è disposto su più piani raggiungibili tramite una scala e lungo la salita sono presenti varie feritoie attraverso le quali si può scrutare il paesaggio esterno.

Il borgo

Attorno alla torre di Fontanedo è sviluppato un piccolo borgo con alcune strutture ormai fatiscenti, altre ben conservate e ristrutturate.

Tra le varie costruzione la più degna di nota è una cappella contente un affresco (non si sa di preciso se del Trecento o del Quattrocento) e nel borgo erano presenti anche fenili, scuderie e pozzi.

Informazioni

  • Adatto alle famiglie
  • Durata: 3 ore
  • Raggiungibile in macchina

Link esterni

Dove si trova

Si raggiunge la torre di Fontanedo a piedi, percorrendo uno dei due sentieri che si diramano dal sentiero del viandante.

I due sentieri, uno un pò più ripido, iniziano dall’ osteria Robustello, dove è possibile parcheggiare e si sviluppano su un circuito ad anello.

Meteo

Se ti è piaciuta la passeggiata condividila con i tuoi amici e lasciaci un commento qui sotto se vuoi raccontarci la tua!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.