Il castello di Brescia (chiamato anche Falcone d’Italia per la sua caratteristica posizione rispetto alla città) è una fortezza edificata sul colle Cidneo ad una altitudine di circa 250 m ed è senza dubbio uno dei maggiori simboli della Leonessa d’Italia.

E’ una struttura molto ben conservata (tra le meglio conservate in Italia) e ospita al proprio interno varie attività che richiamano l’interesse dei tanti visitatori.

Dal 1955 , con l’arrivo di due cuccioli di leone nacque all’interno uno zoo, poi ampliato e rimasto aperto fino al 1988.

ingresso-al-castello-di-brescia

I documenti raccontano che i primi monumenti risalgono all’età del bronzo. Furono i romani i primi a edificare l’area con il tempio dedicato al Genius Coloniae (ancora presente all’interno del Mastio).

Nel quinto secolo questa struttura fu modificata per realizzare un primo nucleo fortificato e nell’XI secolo fu trasformata in una basilica caratterizzata da una facciata da preceduta da due torri cilindriche (tra cui la torre Mirabella).

Tra il 1327 e il 1426 la famiglia Visconti diede ordine di abbellire la struttura con decorazioni e le diedero la funzione di residenza del capitano della guarnigione. Le modifiche maggiori riguardarono Il Mastio e la chiesa di Santo Stefano che vennero circondate da 6 torri quadrangolari e venne implementato un recinto fortificato ad un livello inferiore.

Sotto il dominio della repubblica di Venezia si potenziarono fortificazioni per adeguarsi alle nuove tecniche di guerra alle quali, le vecchie difese, non riuscivano più a far fronte.

Nel Cinquecento vennero costruiti i baluardi di San Pietro, San Marco, San Faustino e della Pusterla che componevano la nuova cinta difensiva del castello e implementate strutture per lo stoccaggio delle vettovaglie, prigioni, caserme e polveriere.

Nel 1796 il castello di Brescia non occupava più una posizione di rilievo nelle strategie belliche e con l’arrivo dei Francesi venne facilmente occupato. 

Intorno al 1900 il comune di Brescia acquista a titolo definitivo la proprietà del castello.

Clicca sulle immagini per ingrandire

Cosa vedere nel castello di Brescia

Come già detto, il castello di Brescia regala ai propri visitatori la possibilità di provare esperienze diverse grazie ai numerosi eventi, manifestazioni e strutture che accolgono mostre e musei. Non a caso è una tra le mete più ambite per gli amanti di passeggiate tra borghi e città.

Se anche tu ami visitare castelli puoi guardare la nostra passeggiata a Pavia, a Grazzano Visconti o a Casale Monferrato dove ne troverai di altrettanto spettacolari.

Situato all’interno del Mastio Visconteo, dietro alla torre Mirabella (una delle aree più antiche del castello), si trova il museo delle armi. Inaugurato nel 1988 raccoglie 580 pezzi tra le più antiche armi e armature europee e circa 300 armi da fuoco del XIX secolo.

Inaugurato nell’ottobre del 1993, l’osservatorio astronomico di Brescia, gestito dall’unione astrofili bresciani, regala una vista del cielo tutta particolare: sotto la cupola di 3 metri di diametro puoi osservare il cielo proiettato sopra di te!

Il cinema all'aperto

Durante il perido estivo, nei mesi che vanno da luglio a settembre, ogni anno presso il castello di Brescia si radunano centinaia di persone per assistere allo spettacolo del cinema all’aperto. Per chi è amante del cinema e non vuole rinchiudersi in tristi multisale è altamente consigliato!

La locomotiva a vapore e il plastico ferroviario

Per i più piccini (ma non solo), le attrazioni principali, ora che non c’è più lo zoo, sono senza ombra di dubbio la locomotiva a vapore e il plastico ferroviario.

La numero 1 (la locomotiva è cosi’ chiamata perche’ la prima locomotiva della ferrovia brescia-edolo) è stato il primo monumento ferroviario in Italia. 

Nel 1969 veniva inaugurato quello che allora era il più grande plastico ferroviario d’europa e che è possibile visitare ogni domenica grazie al Club Fermodellistico Bresciano.

Dal 2017 si svolge questa manifestazione caratterizzata da proiezioni di musica e colori creando un’atmosfera suggestiva.

Quest’anno Cidneon ha riservato una dedica particolare a Leonardo da Vinci, per il 500esimo anniversario della sua morte.

Il trofeo città di Brescia

Il trofeo città di Brescia (ex trofeo Guizzi) è una competizione ciclistica internazionale che si svolge ogni anno sulle strade di Brescia.

Il protagonista assoluto della gara è il castello di Brescia, che vede passare i corridori circa 20 volte prima di arrivare al traguardo dopo che gli stessi hanno affrontato la salita di circa 1 km a tutta velocità.

Teatro di battaglie sportive sin dai primi anni, ha visto trionfare i più grandi campioni del ciclismo.

La vista panoramica

Grazie alla posizione strategica ed elevata, rispetto al centro urbano, dal colle Cidneo potrai godere di una vista panoramica veramente suggestiva. 

Alcuni binocoli a moneta ti aiuteranno a vedere fino agli appennini, facilmente visibili durante le giornate limpide.

Informazioni

  • Adatto alle famiglie
  • Durata: 2 ore
  • Raggiungibile con macchina
  • autobus
  • metro

Link esterni

Dove si trova

Dall’autostrada A4 uscire a Brescia overst o Brescia centro, seguire per il centro. Si accede dal castello da piazzale Arnaldo e da via san Faustino. Ai piedi del castello e lungo la parte finale della salita del colle Cidneo il parcheggio è consentito ed è libero.

In metro scendere a San Faustino e percorrere uno dei tanti sentieri che portano alla cima del Cidneo.

Meteo

Ti è piaciuto? Condividilo con i tuoi amici!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.